Salta ai contenuti. | Salta alla navigazione

Settore Politiche Sociali, Sanitarie e per l'integrazione

galaverna

Competenze

 

  • Direzione dei piani e progetti del settore e controllo della loro attuazione.
  • Direzione del Piano di Zona per il Benessere e la Salute a supporto del Comitato di Distretto.
  • Direzione delle azioni di innovazione volte a implementare e qualificare le risposte ai bisogni e opportunità sociali a disposizione dei cittadini e della comunità.
  • Direzione delle azioni orientate alla partecipazione, attraverso il coinvolgimento di tutti gli attori sociali pubblici e privati operanti sul territorio.
  • Direzione dei servizi, delle attività e dei progetti sia a gestione diretta che indiretta rivolti ad anziani, adulti, persone con disabilità, minori in condizioni di disagio, immigrati, profughi e famiglie.
  • Direzione dei servizi per l’integrazione sociale.
  • Direzione dei procedimenti e progetti orientati all’abitare sociale
  • Direzione dei rapporti con la magistratura in materia di tutela dei minori e procedimento penale minorile, amministratore di sostegno, tutele e curatele giudiziarie.
  • Direzione dei rapporti con l'Azienda USL di Modena, Azienda Universitaria Policlinico di Modena e Reggio Emilia ed adozione degli atti conseguenti in materia igienico-sanitaria, attività e servizi socio-sanitari e relativi aspetti economico-finanziari.
  • Direzione e gestione del sistema di accreditamento per le strutture della non autosufficienza, del sistema di autorizzazioni socio-sanitarie e sanitarie.
  • Direzione della funzione di protezione Civile “Assistenza alla popolazione”.
  • Direzione della vigilanza istituzionale sul settore farmaceutico.
  • Direzione e attuazione delle funzioni che la legge attribuisce al Sindaco in materia igienico-sanitaria e in materia di tutela dei minori.
  • Direzione delle attività di rilevazione e verifica della qualità erogata nei diversi servizi, del controllo di gestione e della qualità percepita.
  • Direzione dell’elaborazione, monitoraggio e rendicontazione di progetti per finanziamenti al settore.
  • Collaborazione e predisposizione per la concessione di patrocini e contributi.
  • Direzione del bilancio di propria competenza in collaborazione con il Settore Bilancio.
  • Direzione delle procedure alla privacy, trasparenza, anticorruzione e accesso agli atti in collaborazione con i settori competenti.
  • Direzione delle procedure di appalto, concessione, convenzione e contratti del settore.

 

Unità organizzative e responsabiliCompetenze

Servizio Sociale territoriale

Dirigente: Giulia Paltrinieri

  • Direzione operativa delle attività dei Poli sociali territoriali, del Centro per le famiglie, del Punto Unico di Accesso Socio-Sanitario (PUASS), degli sportelli specialistici (Centro adattamento ambiente domestico, Sportello cittadino, Assistenza Modena Domiciliare, etc.) e del progetto di sviluppo della Casa della salute.
  • Direzione operativa delle funzioni di accoglienza, orientamento, consulenza e presa in carico delle famiglie che presentano una situazione di difficoltà e disagio e contestuale definizione delle procedure di accesso al Servizio sociale territoriale e gestione dei processi di presa in carico;
  • Direzione della esecuzione degli appalti, dei contratti di servizio e delle convenzioni di competenza.
  • Collaborazione con il Dirigente di settore alla predisposizione di programmi, accordi e protocolli finalizzati all’integrazione socio-sanitaria, direzione dell’applicazione degli stessi per le materie di competenza.
  • Collaborazione e partecipazione alle attività dell’Ufficio Piano.
  • Presidenza delle Commissioni per l’ammissione ai servizi e benefici di competenza, predisposizione dei regolamenti e gestione degli adempimenti conseguenti.
  • Direzione operativa della progettazione e della realizzazione di servizi e attività innovative rivolti a minori, adulti, persone con disabilità, anziani e famiglie.
  • Direzione operativa degli accordi e convenzioni con i soggetti del terzo settore per le materie di competenza e dei progetti territoriali relativi allo sviluppo delle reti formali e informali.
  • Direzione operativa dei rapporti con la magistratura minorile ed ordinaria e delle attività in ambito socio-giudiziario.
  • Direzione operativa dei procedimenti di erogazione dei contributi alle persone e alle famiglie.
  • Direzione operativa delle attività e interventi relativi alla mediazione dei conflitti, ai rapporti con le istituzioni scolastiche, alla prevenzione del disagio giovanile.
  • Collaborazione con il dirigente del Settore alla elaborazione del Piano di Zona per il Benessere e la Salute.
  • Collaborazione con il dirigente del Settore alla elaborazione e definizione delle procedure di appalto, concessione, convenzione e contratti del Servizio.

Ufficio Polo sociale 1 e centro per le famiglie

Posizione organizzativa: Chiara Neviani

  • Responsabilità della gestione relativamente alle funzioni di accoglienza, orientamento, consulenza e presa in carico e accesso agli interventi e servizi rivolti alle famiglie che presentano una situazione di difficoltà e disagio.
  • Responsabilità della elaborazione, definizione e gestione di modelli d'intervento che garantiscano l'affiancamento all’utente e alla sua famiglia ai fini della realizzazione di un progetto di aiuto condiviso.
  • Collaborazione con il Dirigente di Servizio alla elaborazione di linee, accordi e protocolli con Enti terzi (AUSL, Scuole, Forze dell’ordine) e gestione dell'applicazione degli stessi.
  • Responsabilità della gestione operativa dei Regolamenti e dei protocolli inerenti le attività di integrazione socio sanitaria rivolte ai minori, adulti, persone con disabilità e anziani.
  • Responsabilità della gestione delle attività in ambito socio-giudiziario e dei rapporti con la magistratura minorile e ordinaria per il territorio di competenza.
  • Responsabilità della gestione dei rapporti con le organizzazioni ed Enti del terzo settore e con la rete formale e informale.
  • Collaborazione col dirigente di servizio e con gli altri responsabili dei poli sociali per la realizzazione di progettazioni innovative.
  • Responsabilità della gestione dei casi complessi.
  • Collaborazione con il dirigente del Servizio alla elaborazione del Piano di Zona per il Benessere e la Salute
  • Collaborazione con il dirigente del Servizio alla elaborazione e definizione delle procedure di appalto, concessione, convenzione e contratti dell’Ufficio.
  • Responsabilità della gestione del Centro per le famiglie, con azioni e interventi innovativi di sostegno alla genitorialità ed alle famiglie.

 

Ufficio Polo sociale 2 e casa della salute

 

Posizione organizzativa: Barbara Aldrovandi

 

  • Responsabilità della gestione relativamente alle funzioni di accoglienza, orientamento, consulenza e presa in carico e accesso agli interventi e servizi rivolti alle famiglie che presentano una situazione di difficoltà e disagio.
  • Responsabilità della elaborazione, definizione e gestione di modelli d'intervento che garantiscano l'affiancamento all’utente e alla sua famiglia ai fini della realizzazione di un progetto di aiuto condiviso.
  • Collaborazione con il Dirigente di Servizio alla elaborazione di linee, accordi e protocolli con Enti terzi (AUSL, Scuole, Forze dell’ordine) e gestione dell'applicazione degli stessi;
  • Responsabilità della gestione operativa dei Regolamenti e dei protocolli inerenti le attività di integrazione socio sanitaria rivolte ai minori, adulti, persone con disabilità e anziani.
  • Responsabilità della gestione delle attività in ambito socio-giudiziario e dei rapporti con la magistratura minorile e ordinaria per il territorio di competenza;
  • Responsabilità della gestione dei rapporti con le organizzazioni ed Enti del terzo settore e con la rete formale e informale
  • Collaborazione col dirigente di servizio e con gli altri responsabili dei poli sociali per la realizzazione di progettazioni innovative.
  • Responsabilità della gestione dei casi complessi
  • Collaborazione con il dirigente del Servizio alla elaborazione del Piano di Zona per il Benessere e la Salute
  • Collaborazione con il dirigente del Servizio alla elaborazione e definizione delle procedure di appalto, concessione, convenzione e contratti dell’Ufficio
  • Responsabilità della gestione del progetto della Casa della salute, mediante azioni e interventi integrati con l'Azienda USL e con il territorio di riferimento.

 

Ufficio Polo sociale 3 e sportelli specialistici

Posizione organizzativa: Luigi D'Apice

  • Responsabilità della gestione relativamente alle funzioni di accoglienza, orientamento, consulenza e presa in carico e accesso agli interventi e servizi rivolti alle famiglie che presentano una situazione di difficoltà e disagio.Responsabilità della elaborazione, definizione e gestione di modelli d'intervento che garantiscano l'affiancamento all’utente e alla sua famiglia ai fini della realizzazione di un progetto di aiuto condiviso.
  • Collaborazione con il Dirigente di Servizio alla elaborazione di linee, accordi e protocolli con Enti terzi (AUSL, Scuole, Forze dell’ordine) e gestione dell'applicazione degli stessi.
  • Responsabilità della gestione operativa dei Regolamenti e dei protocolli inerenti le attività di integrazione socio sanitaria rivolte ai minori, adulti, persone con disabilità e anziani.
  • Responsabilità della gestione delle attività in ambito socio-giudiziario e dei rapporti con la magistratura minorile e ordinaria per il territorio di competenza.
  • Responsabilità della gestione dei rapporti con le organizzazioni ed Enti del terzo settore e con la rete formale e informale.
  • Collaborazione col dirigente di servizio e con gli altri responsabili dei poli sociali per la realizzazione di progettazioni innovative.
  • Responsabilità della gestione dei casi complessi.
  • Collaborazione con il dirigente del Servizio alla elaborazione del Piano di Zona per il Benessere e la Salute.
  • Collaborazione con il dirigente del Servizio alla elaborazione e definizione delle procedure di appalto, concessione, convenzione e contratti dell’Ufficio
  • Responsabilità della gestione degli sportelli specialistici (sportello cittadino Centro adeguamento adattamento domestico, assistenza domiciliare, etc.) e    progettazioni di azioni e interventi di sviluppo per una maggiore efficienza delle attività.

Ufficio Polo sociale 4 e punto unico di accesso socio-sanitario (Puass)

Posizione organizzativa: Maria Elena Marini

  • Responsabilità della gestione relativamente alle funzioni di accoglienza, orientamento, consulenza e presa in carico e accesso agli interventi e servizi rivolti alle famiglie che presentano una situazione di difficoltà e disagio.
  • Responsabilità della elaborazione, definizione e gestione di modelli d'intervento che garantiscano l'affiancamento all’utente e alla sua famiglia ai fini della realizzazione di un progetto di aiuto condiviso.
  • Collaborazione con il Dirigente di Servizio alla elaborazione di linee, accordi e protocolli con Enti terzi (AUSL, Scuole, Forze dell’ordine) e gestione dell'applicazione degli stessi;
  • Responsabilità della gestione operativa dei Regolamenti e dei protocolli inerenti le attività di integrazione socio sanitaria rivolte ai minori, adulti, persone con disabilità e anziani.
  • Responsabilità della gestione delle attività in ambito socio-giudiziario e dei rapporti con la magistratura minorile e ordinaria per il territorio di competenza;
  • Responsabilità della gestione dei rapporti con le organizzazioni ed Enti del terzo settore e con la rete formale e informale
  • Collaborazione col dirigente di servizio e con gli altri responsabili dei poli sociali per la realizzazione di progettazioni innovative.
  • Responsabilità della gestione dei casi complessi
  • Collaborazione con il dirigente del Servizio alla elaborazione del Piano di Zona per il Benessere e la Salute
  • Collaborazione con il dirigente del Servizio alla elaborazione e definizione delle procedure di appalto, concessione, convenzione e contratti dell’Ufficio
  • Responsabilità della gestione del PUASS, con azioni e interventi di sostegno alla domiciliarità ed alle famiglie.

Serizio gestione servizi diretti e indiretti

Dirigente: Annalisa Righi

  • Direzione operativa della rete cittadina dei servizi (accreditati, autorizzati, appaltati e a gestione diretta) rivolti ad anziani non autosufficienti, persone con disabilità, minori, adulti e famiglie, con particolare riferimento ai servizi residenziali, semiresidenziali e altri servizi, attività e interventi di competenza.
  • Direzione della esecuzione degli appalti, dei contratti di servizio e delle convenzioni di competenza.
  • Collaborazione con il Dirigente di settore alla predisposizione di programmi, accordi e protocolli finalizzati all’integrazione socio-sanitaria, direzione dell’applicazione degli stessi per le materie di competenza.
  • Collaborazione e partecipazione alle attività dell’Ufficio Piano.
  • Presidenza delle Commissione per l'ammissione ai servizi di competenza, predisposizione dei Regolamenti e gestione degli adempimenti conseguenti.
  • Direzione operativa delle procedure di attribuzione e riscossione del sistema di compartecipazione degli utenti al costo dei servizi a gestione diretta, controllo dell'applicazione dei Regolamenti comunali e discipline inerenti la corretta attribuzione al costo del servizio e riscossione per quanto attiene ai servizi esternalizzati.
  • Direzione operativa degli accordi e convenzioni con i soggetti del terzo settore per le materie di competenza.
  • Direzione operativa delle attività del Centro Stranieri anche in collaborazione con Enti terzi (Prefettura, Questura, A.USL, Agenzie scolastiche ecc.) ed Associazioni per la definizione di procedure e/o progetti di propria competenza.
  • Direzione operativa delle attività finalizzate all'inclusione lavorativa delle persone fragili in collaborazione con l'Azienda USL, il Servizio Sociale Territoriale e l'Agenzia per il lavoro.
  • Coordinamento delle attività per la progettazione e lo sviluppo di nuovi modelli di gestione dei servizi di competenza (Cohousing …).
  • Direzione e gestione delle azioni finalizzate alla integrazione delle popolazioni rom e sinti.
  • Direzione operativa delle attività inerenti l’abitare sociale.
  • Presidenza delle commissioni relative all'assegnazione di alloggi ed attribuzione dei benefici relativi all'abitare sociale e al sostegno alla locazione (assegnazione degli alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica, degli alloggi comunali esclusi dalla gestione ERP, degli alloggi messi a disposizione dal servizio Agenzia per la Casa e dei Fondi a sostegno dell'affitto etc.).
  • Direzione operativa e gestione di progetti innovativi orientati all’abitare sociale.
  • Collaborazione con altri settori e Aziende Pubbliche/organizzazioni per la gestione del patrimonio abitativo comunale per la parte di propria competenza.
  • Collaborazione con il dirigente del Settore alla elaborazione del Piano di Zona per il Benessere e la Salute.
  • Collaborazione con il dirigente del Settore alla elaborazione e definizione delle procedure di appalto, concessione, convenzione e contratti del Servizio.

Ufficio gestione servizi per l'integrazione

Posizione organizzativa: Rita Bondioli

  • Responsabilità della gestione amministrativa e tecnica delle seguenti attività e progetti afferenti al Centro Stranieri:
          - Accoglienza, l'informazione, presa in carico e dimissione delle situazioni di persone straniere non residenti;
          - Procedimenti e provvedimenti di ammissione e dimissione degli utenti dalle strutture di accoglienza;
          - Programmi di protezione sociale;
          - Progetto antidiscriminazione;
          - Procedimenti e provvedimenti di attestazione di idoneità alloggio;
          - Progetto SPRAR;
          - Progetto minori stranieri non accompagnati;
  • Gestione dei rapporti con la magistratura minorile ed ordinaria, con la Questura e Prefettura, con l'Azienda USL con le Agenzie Educative per le materie di competenza.
  • Responsabilità della gestione amministrativa e tecnica del Progetto accoglienza invernale.
  • Coordinamento e gestione delle attività del Comitato Locale per l'area della esecuzione penale adulti di Modena.
  • Gestione amministrativa e tecnica delle attività rivolte all'accoglienza e dimissione residenziale e semi residenziale di minori e adulti fragili, sulla base delle indicazioni progettuali del Servizio Sociale Territoriale.
  • Monitoraggio tecnico dei servizi residenziali e semiresidenziali rivolti ai minori e agli adulti, con i quali è in essere un contratto o convenzione; valutazione della qualità del servizio erogato in collaborazione col Servizio sociale.
  • Responsabilità della ricerca di soluzioni residenziali e semi-residenziali rivolte a minori e ad adulti fragili in relazioni alle progettazioni personalizzate redatte dal Servizio Sociale Territoriale.
  • Progettazioni innovative, in collaborazione con soggetti del terzo settore, per le materie di competenza.
  • Collaborazione con il dirigente del Servizio alla elaborazione del Piano di Zona per il Benessere e la Salute .
  • Collaborazione con il dirigente del Servizio alla elaborazione e definizione delle procedure di appalto, concessione, convenzione e contratti dell’Ufficio.



Data dell'ultimo aggiornamento:
31/03/2017
Dirigente Responsabile
Sede e recapiti

Via Galaverna, 8 - Modena - MO - 41123

Telefono: 059 2032723 – 059 2032852

Fax: 059/2032900

Pec: casellaistituzionale046@cert.comune.modena.it

Url: http://www.comune.modena.it/welfare

Orario: lunedì e giovedì 8.30-13.00 e 14.30-18.00; mercoledì 8.30-13.00

Settore Politiche Sociali, Sanitarie e per l